Finanziamenti Agevolati

Il complesso mondo della “Finanza Agevolata”, coinvolge una molteplicità di Enti Pubblici ed è caratterizzato da una serie articolata di programmi e di tipologie di aiuto, non facilmente sintetizzabili. Trendigital si pone l’obiettivo di indirizzarti nella scelta delle misure più adatte alla tua azienda.

scopri subito le agevolazioni per te
Monitoriamo grazie alla nostra banca dati migliaia di agevolazioni, che aggiorniamo costantemente;
Individuiamo le misure più interessanti, per dotazione economica, obiettivo strategico, intensità di aiuto e tipologia di agevolazione e ne studiamo ogni singolo aspetto, normativo e di procedura;
Analizziamo progetti da realizzare o già realizzati e idee imprenditoriali da sviluppare;
Verifichiamo la possibilità di intercettare ogni tipo di agevolazione;
Effettuiamo una “prefattibilità” gratuita;
Progettiamo e prepariamo la modulistica obbligatoria;
Affianchiamo e assistiamo l’azienda nella redazione del progetto e nei vari passaggi formali necessari per il buon fine dell’operazione;
Accompagniamo l’azienda nella fase di rendicontazione del progetto.

Credito d’Imposta Beni Strumentali 4.0

Beneficiari

Possono accedere al credito d’imposta tutte le imprese residenti in Italia indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione e dal regime fiscale di determinazione del reddito che effettuano, o hanno effettuato, investimenti dal 16 novembre 2020 al 31 dicembre 2021, ovvero fino al 30 giugno 2022 a condizione che, entro il 31 dicembre 2021, l’ordine risulti accettato dal venditore e siano stati pagati acconti per almeno il 20% del costo di acquisizione.Imprese di ogni dimensione e settore sul territorio italiano.

Agevolazione

La misura del beneficio fiscale cambia in funzione della tipologia dei beni oggetto dell’investimento:
  • per i beni materiali funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello “Industria 4.0” (allegato A alla legge 232/2016), il credito d’imposta è pari al:
    • 50% del costo per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro;
    • 30% del costo per la quota di investimenti tra i 2,5 ed i 10 milioni;
    • 10% del costo per la quota di investimenti tra i 10 ed i 20 milioni;
    • Per gli investimenti effettuati mediante contratti di leasing si assume il costo sostenuto dal locatore per l’acquisto dei beni;
  • per i beni immateriali (software, sistemi, piattaforme e applicazioni) connessi a investimenti in beni materiali “Industria 4.0” (allegato B alla legge 232/2016), il credito d’imposta è pari al 20% del costo, entro il limite massimo di costi ammissibili pari a 1 milione di euro. Sono agevolabili anche le spese per servizi relativi all’utilizzo di tali beni mediante soluzioni di cloud computing, per la quota imputabile per competenza;
  • per i beni diversi da quelli di cui ai due punti precedenti, il credito d’imposta è pari al 10% del costo, entro il limite massimo di costi ammissibili pari a 2 milioni di euro. Anche in questo caso, per gli investimenti in leasing, si assume il costo sostenuto dal locatore per l’acquisto dei beni.

Finalità

L’obiettivo dell’intervento è agevolare gli investimenti in beni materiali e immateriali nuovi strumentali all’esercizio d’impresa ad alto contenuto tecnologico in chiave industria 4.0

NON HAI TROVATO QUELLO CHE CERCAVI?

SCOPRI SUBITO LE AGEVOLAZIONI PER TE

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter