News

Crowdfunding, minibond, private equity: la finanza alternativa per le Pmi vale 2,7 miliardi

Pubblicato il 05/12/2020


SOLE 24 ORE - Finanza - 05 dicembre 2020

In un anno terribile come il 2020 la finanza alternativa ha continuato a supportare le Pmi con flussi prossimi ai 2,7 miliardi. Dai minibond al crowdfunding, ovvero la raccolta di capitali su portali Internet nelle varie forme (reward, lending, equity) fino allo smobilizzo di fatture commerciali su piattaforme web e al direct lending, le imprese italiane più piccole e più giovani dimostrano una sempre più spiccata propensione ad avvicinarsi ai canali diversi rispetto a quelli tradizionali

Effetto Covid e mercato della finanza alternativa

L'effetto Covid ha indubbiamente giocato la sua parte perché a guardare i dati dell'Osservatorio sulla Finanza Alternativa redatto dal Politecnico di Milano (luglio 2019/luglio 2020) emerge che in termini di flussi il palmares va all'invoice direct (cessione delle fatture per avere liquidità a breve termine). Bene anche per il lending crowdfundig e stabili i minibond mentre in netto calo è il private equity. Nel complesso solo nell'ultimo anno, da luglio 2019 a giugno 2020, le risorse mobilitate dalla finanza alternativa alle PMI in Italia siano pari a circa 2,67 miliardi contro i 2,56 miliardi del periodo precedente, con una crescita ‘anno su anno' pari al 4%. Alcuni comparti sono cresciuti sensibilmente, altri invece hanno invece mostrato il passo, anche a causa delle incertezze legate alla pandemia. Lo sviluppo della finanza alternativa come canale al quale le Pmi italiane fanno riferimento per reperire capitali alternativi al canale bancario si chiuderà nel 2020 con la tendenza che si sono evidenziate nei primi sei mesi dell'anno. «Pensiamo che i segmenti equity e lending continueranno a crescere a doppia cifra -sottolinea Giancarlo Giudice, autore dell’Osservatorio-, in vista anche del nuovo Regolamento europeo appena adottato che consentirà alle piattaforme di operare su base transfrontaliera. Mentre per il 2021 mi aspetto un recupero del private equity grazie anche all’avvio di nuovi prodotti come gli Eltif».

 
 

Share:

Torna Indietro

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter